Ju-on: The Beginning of the End

Ju-On: The Beginning of the End di Masayuki Ochiai.
La storia è quella di un insegnante delle elementari che viene chiamata per sostituire un maestro che é scomparso nel nulla. Questa maestra appena assunta va nella sua classe, e c'è un alunno (Toshio Saeki) che non viene mai a scuola. Lei dopo un paio di giorni andrà a casa Saeki per vedere che fine ha fatto questo bambino, da questo punto lei verrà colpita dalla maledizione Ju-On.
Il film secondo me è qualcosa di orribile, la rovina di una saga storica. Inizialmente la pellicola doveva chiamarsi Ju-On 3, e per fortuna che non gli hanno dato questo titolo, a dir la verità è un reboot perché il regista ha fatto danni allucinanti, fino ad arrivare a fare il remake di un altro horror che amo alla follia che é Shutter creando quella schifezza di Ombre dal passato, e lui con in mano un brand come la saga di Ju-On non è riuscito a gestirlo per niente, creando solamente confusione. Ho rivisto questo film per la seconda volta, e gli errori sono tanti. Il più grande difetto è la regia, come sempre Masayuki riesce a rovinare tutto ciò che tocca, per esempio c'è una scena dove una ragazza con le sue amiche entrano nella casa (ovviamente la casa non è la stessa, anche se è molto simile. Già sta cosa che mi cambi la location storica mi fa di un rabbiare allucinante, il rancore é venuto a me vedendo questa poltiglia di film) e verrano colpite dalla maledizione. La ragazza protagonista dell'episodio muore in una maniera imbarazzante, dico solo che viene risucchiata dentro un frigo, di un trash allucinante, lo schifo dello schifo. Ma ce ne sono altre di perle, gente che muore con due dita in bocca per poi rompersi il collo totalmente a caso. Il problema è che la sceneggiatura del film non è brutta, le scene sono strutturate in questo modo, per esempio quando le ragazze entrano nella casa trovano questi disegni disegnati da Toshio, e nel foglio sono disegnate le loro morti, e prima di morire le vittime ritrovano il loro foglio, ed è bellissima come idea, però il regista si impegna per rovinare tutto, persone che vengono risucchiate nel frigo, ma dove siamo arrivati? Lo sceneggiatore tra l'altro è lo stesso di Dark Water, quindi non è il primo idiota preso per strada è uno che ne sa. Il film in sé è anche girato abbastanza bene, ha le sue scene inquietanti con Kayako, lei almeno è fatta bene e riesce ad essere spaventosa. Tra l'altro hanno pure sostituito la Fuji, che sarebbe il fantasma originale, però devo dire questa nuova rivisitazione non è male, forse è l'unica cosa che salvo della pellicola. Poi abbiamo Toshio che non fa minimamente paura, rendiamoci conto gli hanno messo un parrucchino in testa per renderlo uguale a quello originale, come rendere ridicolo un personaggio perfetto. L'attore che lo interpreta è imbarazzante, è espressivo quanto una tazza del cesso, l'unica cosa che sa fare è strizzare gli occhi quando compare e fissa qualcuno, rendendo il tutto di un trash veramente abominevole che ti fa accapponare la pelle. Il resto del cast è ridicolo, probabilmente non avevano voglia di recitare e si vede, come ho detto prima l'unica cosa si salva é Kayako. Lati positivi ce ne sono pochissimi, come la protagonista che va a casa Saeki e incontra Kayako in versione "normale", lì sono 10 minuti di ansia pura dove la paura c'è, per poi essere rovinata da scene spazzatura. La fotografia fa schifo, con questo bianco sparato in faccia allo spettatore, le musiche rovinano l'atmosfera. La cosa bella dei film di Shimizu è che la musica è quasi sempre assente, qui invece il tutto è rovinato fino a farlo sembrare un film di Insidious, ma che roba è? Pessimo, uno dei prodotti cinematografici più brutti che abbia mai visto, la rovina della mia saga preferita, e il bello è che questa roba è prodotta dalla Universal, siamo messi bene allora. E purtroppo è stato fatto anche il sequel di questo aborto, ovvero Ju-On: The Final, dove ci sono fantasmi che escono dalla cassetta delle lettere e ho detto tutto. Questo è l'esempio di come prendere un capolavoro del genere horror e distruggerlo definitivamente. I miei complimenti al regista.
Ps. la questione dell'omicidio della famiglia Saeki è senza senso, in pratica qua il padre ammazza tutti per puro divertimento sadico....OK.