Ju-on: The Final Curse

Ju-On: The Final Curse di Masayuki Ochiai.
La trama del film avviene dopo la scomparsa della giovane insegnante Yui, la sorella maggiore Mai si mette a cercarla. Scopre così che Yui ha fatto recentemente visita a Toshio, uno dei suoi studenti che non veniva mai a scuola. Inoltre, le apparizioni di Yui portano Mai a investigare su un bambino mentre intorno a lei iniziano a manifestarsi strani avvenimenti.
Se Ju-On: The Beginning of the End era un aborto, questo è ancora peggio, il bello è che questi due film dovevano essere collegati con quelli di Shimizu, ma ovviamente il regista non sapendo cosa fare ha deciso di rovinare tutto come per esempio, l'omicidio in casa Saeki dove il padre non scopre del tradimento della moglie, ma ammazza tutti per puro divertimento sadico, questo e molto altro. Poi (per fortuna) questi due film sono stati cancellati dalla cronologia ufficiale della saga, ma meglio così, si vede che si erano resi conto di non voler concludere il ciclo di film con questo schifo, e hanno lasciato il vero finale di Ju-On 2. È una pellicola vuota, nessuno voleva recitare o essere lì, e si vede tantissimo. I fantasmi sono peggiorati, tanto che ci sono scene in cui Toshio compare senza motivo in una zuppa, così a caso, infatti il momento fa ridere ma il problema è che quella scena vuole prendersi sul serio. Kayako che esce da una CASSETTA DELLE LETTERE e ho detto tutto. Parliamo di alcune morti, come ad esempio la tipa che mentre sta facendo karaoke viene tirata sul soffitto e lasciata con il corpo appeso, per poi sentire uno degli urli più brutti, finti e mal recitati della storia. Oppure quella che muore BRUCIATA a causa degli SPAGHETTI, questa é la perla del film secondo me.
Ma in tutto questo si salverà qualcosa? Si, ci sono due scene molto carine, la prima è quella di una guardia che é di pattuglia e vede la figura di Kayako che compare e scompare, questo è un chiaro esempio che se il regista si impegnava il giusto il film avrebbe leggermente funzionato, dato che in questa scena hai proprio paura. La seconda ed ultima che si salva è una morte veramente fatta bene ed è abbastanza cruenta, semplicemente si vede Kayako che prende per la testa un determinato personaggio piegandolo all'indietro fino a rompergli la spina dorsale. Queste sono le uniche due scene che si salvano, e ovviamente il tutto non rende il film bello, ma una vera e propria ciofeca. E a me dispiace vedere la mia saga preferita uccisa in questo modo, tanto che Masayuki è un fan di The Grudge e questo che mi fa più nervoso, già in Ombre dal passato (remake di Shutter) mi citi i film di Shimizu facendo alcune scene identiche, poi vedo che ti danno in mano un brand così importante per il genere horror e tu lo distruggi? Ma non ci siamo, e i fan (giustamente) si sono arrabbiati con il regista, a parte che se lui si impegnava un po' riusciva a fare un film quantomeno decente, dato che in alcune scene la tensione c'è ed é anche ben gestita, e tutto questo ti fa capire che lui The Grudge lo sapeva girare, e sembra che lo abbia fatto apposta per fare arrabbiare la maggior parte delle persone legate fortemente alla saga. In conclusione Ju-On: The Final Curse è una porcata, crea ancora più confusione, è fotografato sempre con questi colori sparati in faccia allo spettatore, la recitazione è imbarazzante e non aggiunge nulla di nuovo se non alcuni colpi di scena che non stanno ne in cielo ne in terra, ma lasciamo perdere. Se volete vedere la saga di Ju On in modo decente guardatevi i primi quattro dove c'è il vero FINALE. Mentre se volete farvi del male con questi due film preparatevi ad usare gli anticorpi.