Behray has written 34 reviews for films rated .

  • Ostaggi

    Ostaggi

    orrendo, palloso, fastidiosissimo. una cagata orripilante con personaggi ridicoli e caricaturali e una scrittura da mani in faccia, sembra una puntata della peggior fiction rai.
    come da tradizione rai ci sono pure i classici momenti dedicati a scottanti temi sociali come razzismo e sessismo, come al solito messi giù con la delicatezza e l'efficacia di un triceratopo zoppo.

  • Maschile singolare

    Maschile singolare

    una coppia si separa dopo anni di unione e uno dei due cerca di superare la cosa con nuove relazioni e amicizie, sesso occasionale, gelosie, dubbi sul futuro e menate varie.
    sono abbastanza convinto che nella mente di coloro che hanno partorito questo obbrobrio infame il fatto che i protagonisti siano quasi tutti omosessuali e che il film parli di una storia d'amore omosessuale avrebbe dovuto automaticamente essere più che sufficiente per renderlo un capolavoro, magari pure provocatorio. oh, potrei…

  • The Dead of Night

    The Dead of Night

    thriller/horror in cui il classico gruppo di manigoldi mascherati terrorizza e uccide la brava gente di un paesino.
    dura 1 ora e 20. la prima ora è una palla micidiale che cerca di costruire tensione senza riuscirci e negli ultimi 20 minuti si passa all'azione, orribile, senza un minimo guizzo di creatività e con un finale ridicolo.
    blando, moscio, banale, noioso e stupido, questo è quanto.

    il nome di lance henriksen sulla locandina solita cazzata che si fa per film di merda come questo. appare in numero 2 scene per un totale di presenza di circa 4 minuti.

  • Let's Stay Friends

    Let's Stay Friends

    un filmaccio. non fa ridere, la trama e i personaggi sono molto poco ispirati, prevedibile in ogni sua parte dall'inizio alla fine, in certi punti stucchevole come la peggio fiction rai.
    almeno è durato poco.

  • A Nice Girl Like You

    A Nice Girl Like You

    commedia americana dimmerda generica e fastidiosa n°54651987

  • The Row

    The Row

    un thriller/slasher imbarazzante, pigro e irritante avvolto da una spessa coperta di banalità (anche se l'essere banale e scontato è in realtà l'ultimo dei suoi problemi).
    tipicamente americano, i meravigliosi personaggi vanno dal pompato poliziotto col macchinone e il cappellino che ci tiene sempre a ricordare a tutti che lui è un agente, è armato ed è un bimbo grande fino alle varie sgallettate d turno (la timida, la zozza, ecc), immersi in questa affascinantissima e mega ispirata storia di…

  • Perfect

    Perfect

    livelli di pretenziosità difficilmente eguagliabili.
    mi sono bastati i primi minuti di voice over triste che parla per metafore per capire cosa stavo per vedere, 'sta cagata se la tira in un modo imbarazzante.
    chi lo ha scritto e ideato dovrebbe andare affanculo a zappare in un campo ed esser preso a pernacchie da grandi e piccini.

  • The Great War

    The Great War

    è un film sulla prima guerra mondiale il cui tema centrale è il razzismo, e già solo per questo sarebbe da prendere a pernacchie, ma il peggio è che è pure scritto da fare pietà, con dialoghi marci e stereotipi tipo la donna forte e indipendente che non ha bisogno dei porci maschilisti e il capitano bianco che dice "negro" ogni due parole perchè lo spettatore lo deve capire bene che quello è razzista.
    poi, altri clichè di guerra tipo…

  • Rogue Warfare: The Hunt

    Rogue Warfare: The Hunt

    tremendo almeno quanto il primo. sempre presenti i fenomenali e interminabili dialoghi sulla collina tra il maestro mohammed e il suo sgherro vestito di bianco che spero muoia almeno nel terzo capitolo, che purtroppo dovrò vedere a breve e chissà cosa cazzo ho fatto per meritarmi questo.

  • Breaking Surface

    Breaking Surface

    C'è una che va a fare immersioni ma commette il tragico errore di portarsi dietro la sorella, una rincoglionita totale con la sfiga livello fantozzi.
    Veramente ingestibile e fastidiosissimo, una merdaccia.

  • Rogue Warfare

    Rogue Warfare

    da qualche parte nel medio oriente il terrorista Samir è arrabbiato e vuole fare la jihad. mette insieme un gruppo di npc chiamato black mask, uno di quei gruppi di cattivi tipo clan del piede delle tartarughe ninja che andavano forte 20 anni fa composto dal capo, il suo braccio destro un po' strambo e un fottio di sgherri tutti vestiti uguali.
    Ahmed porta caos e morte contro i villaggi di gente per bene, ma in verità ce l'ha con…

  • Trauma Center

    Trauma Center

    un'accozzaglia di stronzate in successione che non ci si crede. la gente che lo ha scritto è stata pure pagata e nessuno si è sentito in dovere di dire "ragazzi questa roba è una merda, cosa stiamo facendo?".
    tremendo