Favorite films

Don’t forget to select your favorite films!

Recent activity

All
  • Gold

    ★★★½

  • Black Souls

    ★★★★

  • Laboratory of the Devil

    ★½

  • Quo vadis, Aida?

    ★★★★

Recent reviews

More
  • Gold

    Gold

    Anthony Hayes, noto attore australiano, per il suo primo lungometraggio da regista predilige una storia dalla trama scarna che non priva per questo di fascino l'evoluzione rovinosa del protagonista e la sua lotta per non soccombere, alimentando il tutto di costanti metafore attuali con il desiderio di quasi tutti, colpa dei social media, di raggiungere la felicità attraverso occasioni economiche facili ed improvvise. Quale miglior contesto geografico di un'Australia post apocalittica flagellata da catastrofi economiche e ambientali per narrare una…

  • Black Souls

    Black Souls

    Tra i titoli italiani più significativi e degni di nota del decennio scorso, abbiamo sicuramente il cupo drama ANIME NERE di Francesco Munzi. Un crime noir fuori dal coro, lontano dalle enfatizzazioni delle criminalità nostrana molto in voga nelle serie tv dell'epoca, più incline a raccontare le evoluzioni, o meglio le involuzioni, dei rapporti familiari legati alla malavita, in questo caso alla mafia calabrese nota come 'Ndrangheta. Un racconto asciutto e scarno ma con un regia di valore che mette…

Popular reviews

More
  • Uncut Gems

    Uncut Gems

    I fratelli Safdle, dopo HEAVEN KNOWS WHAT e GOOD TIME, riescono a confermare non solo quanto di buono mostrato nei loro primi due lungometraggi, bensì alzano vertiginosamente l'asticella della qualità narrativa, estetica e dinamica con una pellicola furibonda, ansiogena e folle. Un film destinato, sopratutto grazie ad un finale shock, imbottito di adrenalina e inaspettato, a lasciare senza fiato lo spettatore dopo una maratona di ben 135 min, tempo tutt'altro che facile da gestire per una storia urbana come questa.…

  • Bad Tales

    Bad Tales

    'Quanto segue è ispirato ad una storia vera ..... la storia vera è ispirata ad una storia falsa ..... la storia falsa non è molto ispirata'
    Il secondo lungometraggio dei fratelli D'Innocenzo, con un titolo che sembra partorito da uno sketch comico di Maccio Capatonda, è un 'disturbing drama' figlio di un'attenta analisi da parte del duo romano all'incomunicabilità familiare tra generazioni, focalizzato in particolar modo su un'illusoria parvenza di felicità della periferia (romana ma che riflette ampiamente quella italiana),…