The Lighthouse

The Lighthouse ★★★★½

È di un bello, di un competente e di un filologicamente-corretto da lasciare sconvolti a praticamente ogni inquadratura. E la cosa che sconvolge di più è che è anche tremendamente vero, genuino, non è l'esercizio di un giocoliere estroso che si mena il cazzo di 40 centimetri nell'ammiccare ora a Poe, ora a Lovecraft mentre con la cappella si palleggia il cinema espressionistico dalla A alla Z, Ü compresa.
È proprio una creatura fatta della stessa esatta materia di quelle tensioni, quegli incubi e quei chiaroscuri dell'animo umano che prendevano vita su carta, su pellicola e nell'immaginazione, tra le infinite sfumature che spaziano tra il bianco e il nero.